Tag Archives: articolo uno

La pandemia siamo noi. Il racconto che non c’era, in attesa del sequel

Pubblicato su articolo1mdp.it

Una cronologia del lockdown, sembra incredibile, non c’era. Un racconto orizzontale di quelle giornate e di quelle settimane della scorsa primavera, in cui le nostre vite, e contemporaneamente il mondo, sono stati investiti da qualcosa di gigantesco e inedito come una pandemia nell’era globale, e un po’ si sono fermate, un po’ sono andate avanti, mentre tutti eravamo soli ma intanto vivevamo la stessa cosa tutti insieme.

Una cronologia che mettesse insieme e in ordine tutto quello che è avvenuto tra dicembre e luglio, i giorni angosciosi di Milano-che-si-ferma e intanto partono le primarie americane, il 25 aprile e papa Francesco, i discorsi dei primi ministri, le prime pagine dei giornali, la comunicazione pubblica e la pubblicità: non c’era e l’hanno scritta Giuseppe Mazza, insegnante di pubblicità e comunicazione, direttore creativo e fondatore dell’agenzia Tita, e Claudio Jampaglia, giornalista di Radio popolare. L’hanno scritta mettendo in un libro – La pandemia siamo noi, Persone, idee e merci ai tempi del virus, Ponte alle grazie – le loro chiacchierate durante trasmissione settimanale Di Lunedì in onda ogni lunedì mattina alle 8.00 su Radio Popolare (e disponibile su podcast per i non milanesi).

Un libro, e non poteva essere diverso, pieno di immagini e, perché è un eBook, anche di link, perché “la pandemia è il nostro mondo in forma estrema”, e la “storia globale” che ha aperto non bastano le parole a raccontarla. Il virus, con la potenza dei grandi fatti della storia, si è fatto in pochi giorni cultura, discorso pubblico. Ha coinvolto i grandi leader mondiali e i fatti della politica, ha fatto rinviare le Olimpiadi, ha monopolizzato completamente la comunicazione in tutte le sue forme, dai giornali ai social alla pubblicità. Ha costretto tutti gli attori pubblici (e privati) a cercare un altro tono di voce; e ha messo impietosamente a nudo il fatto che qualcuno ne è stato capace, e qualcuno no.

Da dicembre a luglio, dalla Cina alle spiagge. E servirà un sequel, probabilmente, di questo racconto che non era finito, di questa condizione estrema che è diventata la nostra normalità. E ci ha rivelato, soprattutto a ripercorrerla, molte cose che già adesso è utile ricordare. Adesso che siamo ancora qui, ma tutti ci sentiamo più stanchi, più incattiviti, più impazienti, e non riusciamo a ricordarci di essere più forti, più preparati, più – purtroppo anche tragicamente – esperti.

Perché adesso è facile dire eh, durante il lockdown le cose sono state gestite meglio, il governo era più lucido, la gente era migliore: si stava sempre meglio prima, no? E ovviamente questo serve a dire che invece adesso va tutto male, “abbiamo perso tempo”, “siamo stati incoscienti”, “vuoi mettere gli altri”. E invece i fatti rimessi in fila dicono che non è così. Durante il lockdown è stata dura, ed è dura adesso, ma la realtà parla chiaro: gli italiani sono stati capaci di responsabilità, di sacrificio, di forza d’animo. Ce l’hanno fatta, e ce la faranno. È il messaggio dei Cavalieri di Mattarella, i cinquantasette “eroi del Covid” premiati per essersi distinti durante l’emergenza: persone comuni, una cassiera, un farmacista, un ricercatore, un’infermiera, capaci di restare al loro posto e fare il loro dovere.

Come tutte le situazioni estreme, la pandemia rivela. Punisce i messaggi fasulli alla “Milano non si ferma”, figli di un’idea manipolatoria e paternalistica della comunicazione. Premia la capacità di attraversare il momento con gesti rivelatori di verità, di entrare nella storia, come papa Francesco in via del Corso e poi in piazza san Pietro e Mattarella all’altare della Patria: sono qui, io ci sono, siamo tutti qui sulla stessa barca: potremmo chiamarla adeguatezza. Punisce il cinismo insopportabile delle pubblicità buoniste, i “ripartiamo” ma intanto comprati questo. Premia i messaggi di valore pubblico, l’assunzione di responsabilità: i Fauci, e probabilmente anche i Biden, partito nel gennaio scorso con uno slogan, alle primarie, che a rileggerlo diceva tutto: America is an idea.

Questo libro serve, perché aiuta a vederci dentro una storia globale, a liberarci da un punto di vista sbagliato su noi stessi tipico del racconto pubblico prevalente nei media. Un’idea “denigratoria perché elitaria, che recepisce il giudizio storico della classe dirigente sugli italiani, che è largamente superato dai fatti e si può sostituire con la realtà di una cittadinanza diversa” (cito), “tesa a dimostrare come si tratti di un popolo instabile, volgare, democraticamente inaffidabile. E invece stavolta, messi alla prova, gli italiani hanno dimostrato il contrario”. I media, e io aggiungo, la politica, possono anche non farlo, concludono Jampaglia e Mazza; ma non si accorgono di perdere sempre più contatto con il loro pubblico (e gli elettori?). Pensiamo alla risposta (ancora) di Mattarella a Boris Johnson, episodio dello scorso settembre che nel libro non ha fatto in tempo a esserci: “Noi italiani amiamo la libertà, ma abbiamo anche a cuore la serietà”. Ecco perché serve un sequel. Che ci aiuti a ritrovare il filo di questi giorni, che non è quello che ci raccontano e ci raccontiamo. Intanto c’è un libro da leggere. Per tutto il resto, a lunedì.

Ma come fanno le liste? No, come fanno le leggi elettorali

Adesso mi cerco un po’ di guai. Michela Rostan era una deputata uscente. Eletta nel Pd dopo aver vinto le primarie nel suo territorio, la provincia di Napoli, era passata ad Articolo Uno. E’ stata ricandidata come capolista in un solo collegio, il suo: Campania 1. Non è stata “garantita” in alcun modo. Anzi: nella circoscrizione della Campania Articolo Uno puntava come è ovvio e come qualsiasi partito farebbe a “garantire”, per quanto possibile, il suo coordinatore e fondatore Arturo Scotto, capolista negli altri due collegi di Napoli, quelli della città. Invece è scattato quello della provincia, Scotto è fuori dal parlamento e la Rostan è deputata.

Perché? Chiedetelo a Rosato. Guardatela, la legge elettorale. Non è un caso se il meccanismo di assegnazione dei resti è stato ribattezzato “il flipper”. Per un partito medio grande è sempre possibile garantire qualcuno con un buon posto nelle liste proporzionali, ovviamente. Per un partito che supera la soglia elettorale di poco il meccanismo diventa semplicemente random. Tra migliori perdenti, ordine decrescente dei quozienti, pluricandidature senza possibilità di opzione, incrocio dei resti, il risultato è totalmente casuale. La verità è che se oggi abbiamo persone che ci rappresentano pienamente (almeno a me) come Speranza, Bersani, Fornaro, Epifani, Stumpo, Conte, Errani in parlamento è perché abbiamo avuto culo. Con altri, da Cecilia Guerra a Scotto tanto per fare solo due nomi, ne abbiamo avuto meno. Altri, infine, hanno avuto culo loro.

Io non dico che non siano stati fatti errori e forzature al momento di decidere i candidati. Dico che ad avere saputo che Articolo Uno eleggeva otto deputati ci è andata bene. Potevano essere otto sconosciuti capitati lì per caso. Il consenso, i voti dei cittadini non c’entrano niente, e nemmeno, ripeto, i tentativi legittimi di un piccolo partito di garantire almeno il suo gruppo dirigente ristrettissimo, cioè la sua identità e la sua continuità. Per quanto mi riguarda, da ex candidata in Toscana, sono felicissima di aver contribuito a “garantire” il nostro segretario nazionale, Roberto Speranza. Chi bisognava garantire? Me? Andiamo, cerchiamo di non essere infantili.

E soprattutto cerchiamo di fare meglio le leggi elettorali in futuro, smettiamo di accettare alchimie cervellotiche che generano solo nuova antipolitica (vi ricordate i pezzi sui deputati “ripescati”? “Ripescati” cosa, quando era ovvio che per una lista delle dimensioni di quella di LeU le candidature nei collegi potevano essere solo di servizio?).

Per il resto, per quanto riguarda la vicenda specifica, non merita spendere molte parole. E poi ha già detto tutto proprio Scotto: il vincolo di mandato no, ma bisognerebbe almeno introdurre il vincolo di dignità.

“Uh quanti giovani”: riflessione controcorrente sulla campagna elettorale

Una delle osservazioni più scontate che ti fanno quando pubblichi sui social la foto di qualche iniziativa elettorale è: ma son tutti vecchi! (non manca ovviamente la versione original-spiritosissima: “uh quanti giovani!”). Del resto sono anni che nel discorso pubblico italiano essere giovani viene considerato un pregio in sé, nonostante notevoli evidenze del contrario.

Ora, premesso che è vero che alle iniziative di campagna elettorale (di tutti i partiti in genere, Movimento Cinque Stelle unica parziale eccezione, non certo solo del mio) in genere i giovani non ci vanno in massa, e premesso anche che gli anziani votano, e il loro voto vale uno come quello dei giovani per cui non capisco cosa ci sia da schifarli tanto, vorrei far notare pacatamente una cosa.

L’altro giorno ero a Livorno con Bersani per la campagna elettorale di Articolo Uno e della coalizione di centrosinistra. Ho postato una foto della platea e naturalmente subito qualcuno ha commentato “uh quanti giovani!”. Ho spiegato con qualche soddisfazione che a Livorno il programma prevedeva che dopo l’iniziativa del pomeriggio Bersani la sera incontrasse i giovani in birreria: e la sera la birreria Ribello Gallo era strapiena, e i ragazzi sono andati avanti più di due ore a fargli domande, a riprova del fatto che se li cerchi dove ci sono, e soprattutto se hai qualcosa da dirgli, ai giovani la campagna elettorale interessa eccome.

Ma poi siccome sono un po’ tignosa ho chiesto a Marco Chimenti, il nostro coordinatore provinciale: qual è l’età media degli abitanti di Livorno? E lui mi ha risposto: “Cinquantacinque anni”.

E così io, che sono una rompiscatole, ho pensato chissà se dovremmo stamparceli con la stampante 3D, i giovani, per far contenti certi argutissimi critici. Che continuano a fare scelte politiche, e a giudicare la politica, avendo in mente un’Italia che semplicemente non esiste.