Tag Archives: Calenda

Quegli strani calendiani. Su un’operazione che non capisco, o forse capisco troppo

Pubblicato su Tpi.it

Non è tanto Calenda. Non è un pezzo su Calenda questo (il pezzo su Calenda oggi l’ha già scritto Marco Travaglio, leggetelo), è un pezzo su una domanda. Perché due politici di lungo corso e provata serietà, i miei amici Pierluigi Castagnetti e Mario Cavallaro, concordano che la candidatura di Carlo Calenda a sindaco di Roma sarebbe “una benedizione” per la città, tanto che il Pd dovrebbe nel caso “promuovere un triduo di ringraziamento”?

Ho provato a seguire il loro ragionamento e ne ho ricavato due risposte: la prima è che Calenda “sarebbe un grande sindaco”. La seconda è che “altrimenti rivince la Raggi”. Ora siccome io sono appassionata di politica, vorrei ragionare su questa cosa del perché dovremmo essere contenti di una candidatura di Calenda. Politicamente.

Sarebbe un grande sindaco? Può darsi. Come facciamo a saperlo però non lo so. Perché? Calenda ha fatto molte cose e spesso bene, ma ha mai amministrato una città o un territorio? Non mi pare. Ciò detto non è vietato pensare che farebbe bene il sindaco. Ma sulla base di cosa? Qual è l’idea di Roma di Calenda? Insieme a chi intende realizzarla? A quale forze, non solo politiche, la propone? Perché per esempio leggo sul Corriere che sta riflettendo se proporsi come candidato del centrosinistra e del Pd (di cui ha detto di tutto, compreso che i suoi elettori sono “senza dignità”) o candidarsi “da solo”, puntando cioè a far restare fuori dal ballottaggio il centrosinistra e il Pd e a farlo perdere come ha già provato a fare alle regionali: quindi che cosa significherebbe una sua candidatura? Si candida per fare cosa? Un sindaco non fa il sindaco in astratto, seduto sul trono delle buone pratiche. Oppure pensiamo che a Roma serva “un manager”, un supercommissario che metta a posto le cose coi suoi superpoteri? (Non ne abbiamo già avuto qualcuno di recente, a proposito? E com’è andata? Che ha vinto la Raggi, già). E un sindaco non fa il sindaco da solo. Posso avere qualche dubbio, così in partenza, sulla capacità di Calenda, uno che litiga con tutti e ha rotto con tutti, di costruire una squadra?

Dice il mio amico Mario che Calenda “è volitivo” (ah, beh). E soprattutto mi sgrida perché se faccio la difficile vuol dire che allora rivoglio la Raggi. Gli ho risposto che mi parrebbe sconsigliabile impostare così la battaglia: “votateci sennò vincono gli odiati grillini” è uno slogan che ha condotto il Pd verso le sconfitte più fragorose e inedite nel corso degli ultimi anni, e Roma non è certo l’ultimo dei casi. Ma capisco il sottotesto: la sinistra, per vari motivi (che sarebbe interessante analizzare in caso volessimo farci qualche altro amico), un big da candidare a Roma non ce l’ha, almeno Calenda potrebbe avere il fisico, va in tv, fa tweet volitivi, non è un settenano, ha fatto il ministro, ha buone relazioni, può trovare dei soldi, eccetera. Ok, ma ho una domanda. Deve anche vincere, no? Qualcuno sta pensando a come?

Perché io, anche dalle ultime elezioni in cui il Pd si è salvato nelle regioni e ha ricominciato a vincere ballottaggi dopo un tempo immemorabile, avevo capito (confortata anche da alcune analisi come quella dell’Istituto Cattaneo, in verità) che stesse cominciando a emergere il fatto che gli elettorati di Pd e 5 Stelle alla fine, in una battaglia contro la destra, si sommano da soli più di quanto gli stessi gruppi dirigenti siano capaci di fare; avevo capito che quegli elettorati sono perfino un po’ complementari. E mi pareva di aver capito che in vista delle comunali 2021 ci si attrezzasse a utilizzare di nuovo lo schema 2020, se non da subito nei ballottaggi. Tant’è che lo stesso Calenda aveva twittato, riconoscendo la validità dello schema politico a cui si oppone (lo fa spesso, è fatto così): “Non ci penso proprio a candidarmi a sindaco di Roma. Non prenderei un voto dall’elettorato Cinquestelle, quelli manco crocifissi mi appoggerebbero. Posso capirli”. E Calenda, faccio notare è uno che sostiene che “fare politica è mantenere la parola” (ne avevo parlato qui, mentre parlavo d’altro): altro bel modo di presentarsi, candidarsi dopo aver giurato e argomentato di non avere nessuna intenzione di farlo. La nuova politica, proprio.

Insomma, quale logica politica dovrebbe convincerci nella candidatura di Calenda, al momento per quanto se ne sa forse da solo o forse col Pd che a quel punto recupererebbe immagino la “dignità”, forse cercando i voti dei 5 Stelle o forse insultandoli, nonché, aggiungo, forse a favore della maggioranza di governo ma più probabilmente – viste le sue opinioni in materia – no? Non mi viene in mente nessuna logica, e quelle che mi vengono in mente non le condivido. Poi magari Castagnetti e Cavallaro mi convincono e lo voto, sono una persona ragionevole e all’occorrenza ho votato ben di peggio: non è una questione personale. Però prima di accendere ceri e di organizzare tridui mi piacerebbe capirlo, forse più che da Calenda da certi suoi sostenitori.